Salsiccia e friarielli un connubio d’amore e di storia

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp

Chi è campano lo sa, non può esistere la salsiccia senza i friarielli e viceversa. Si tratta di una lunghissima storia d’amore, nata a Napoli tra i vicoli e la gente più povera.

I friarielli sono una specie di broccolo, delle cime di rapa a foglia verde che crescono sul Vesuvio. Al tempo le più grandi coltivazioni di friarielli si avevano sulla collina del Vomero, che per tale ragione veniva chiamata “ ‘o colle d’ ‘e friarielle”. Riguardo alla derivazione del nome ci sono due filoni, quello secondo cui deriverebbe dal castigliano “frio-grelos” (broccoletti invernali) ed il filone più campano, secondo cui deriverebbe dal verbo napoletano “frijere” (friggere). 

Come nascono in cucina i Friarielli 

I friarielli nascono come piatto delle famiglie povere. In quegli anni le donne del popolino, (“le zandraglie”) si recavano fuori le cucine del Palazzo Reale o dei nobili, dove i cuochi elargivano avanzi di cibo. Questo era un metodo per sopperire alla fame, ma non sempre c’erano abbastanza avanzi per tutte le donne che con poca eleganza si contendevano il cibo, sbraitando e litigando fra loro. Fra i vari scarti c’erano le cime di rapa, considerate dai cuochi reali un cibo non adatto a quel tipo di cucina.

Salsiccia e friarielli

Come nasce l’accoppiamento “Sasicc e friariell”?

Si narra che l’accoppiamento perfetto tra questi due ingredienti nasca dall’idea di un ambulante, che non avendo nessun contorno da abbinare alla salsiccia di maiale, provò le amarissime cime di rapa tanto denigrate dai nobili cuochi.

E fu così che A sasicc è diventata, a mort d’ ‘o friariell“. 

Come si preparano Salsiccia e Friarielli?

Mondate i friarielli, eliminate gambi e foglie dure. Lavateli e teneteli da parte. Fate soffriggere in una padella, uno spicchio di aglio in olio. Una volta imbiondito l’aglio, unite le salsicce facendole rosolare su ambo i lati e allungate con vino bianco. Continuate la cottura, se necessario potete aggiungere un po’ di acqua. In un’altra padella fate soffriggere aglio, olio e abbondante peperoncino, aggiungete i friarielli, salate a piacere e coprite. A metà cottura unite i friarielli alle salsicce facendoli insaporire tra loro. Serviteli e, se volete esagerare, accompagnateli con un bel pezzo di pane cafone, perché così so proprio ‘a fin do’ munno (la fine del mondo). 

Che voi siate Napoletani o forestieri, nessuno può resistere al sapore inimitabile di questo fantastico duo, che sia al piatto o su una pizza, salsiccia e friarielli vi farà sempre battere il cuore. Per questo non vi resta che provare la speciale pizza salsiccia e friarielli di Ciucciuè.

Lascia un commento

About Us

Quando tradizione e innovazione si incontrano nasce Ciucciué.

Con una storia trentennale che oltrepassa i mari, da Napoli, alla Sardegna, fino a Lissone, Ciucciué offre tutta la qualità dei prodotti campani per creare pizze e pietanze che lascino il segno.

Articoli Recenti

Follow Us